Soen - Cognitive (2012)

USA | Spinefarm Records

Post di Michele Ricci.

Cosa succede quando il talentuoso batterista Martin Lopez (ex Opeth ed Amon Amarth) chiama a raccolta il mostruoso Steve DiGiorgio (bassista di Death, Autopsy, Sadus e una miriade di altre band), il chitarrista Kim Platbarzdis e il cantante Joel Ekelf?

Ma sicuramente mette in piedi una cover band dei Tool, no?

"Cognitive" dei Soen trabocca d'amore passionale verso il gruppo di Maynard, plagiandolo nelle vocal, negli arrangiamenti, nelle liriche, persino nell'atmosfera suggerita dalla cover!

Ogni singola nota incisa riporta alla memoria il progressive intellettualoide dei Tool, includendo nel pacchetto la medesima ricerca melodica e armonica, suggellata da una prestazione tecnica sbalorditiva e compatta, ma praticamente priva d'identità.

Eppure brani come la bellissima "Savia" o l'elegante "Ideate" colpiscono nel segno, emozionando e lasciandosi ascoltare con discreto godimento, ricchi di sfumature che sollazzano l'orecchio di chi è in cerca di sonorità ben strutturate ed in continua evoluzione.

Se analizzato freddamente, "Cognitive" sfiora il mezzo miracolo artistico, non presentando sbavature o cazzate, raccogliendo al proprio interno le più svariate suggestioni sonore ed emozionali, ma nella scena musicale il merito di queste atmosfere e di questo sound spetta ad altri, ed i Soen non possono fare altro che alimentare il mito Tool con l'unica cosa veramente radicata all'interno del loro album di debutto: l'ammirazione incondizionata

POTREBBERO INTERESSARTI

Satyricon - Deep Calleth Upon Deep (2017)