lunedì 26 giugno 2017

Vado a farmi un giro nel Kyrat.

Post di Vomicoso.

È sabato sera, fuori piove e non ho un cazzo da fare.

Quindi cosa c’è di meglio che passare la serata davanti al 4k, birra, pizza e videogiochi?

Esattamente. Lo sapete. Così mi è venuta voglia di tornare nel Kyrat, simpatico staterello himalayano, preso in una guerra civile fra dittatura e guerriglieri. Avevo già finito Far Cry 4 su Xbox One, ma tempo fa ho acquistato la key per giocarlo su pc a due spicci.

Quindi lancio il gioco, parte l’intro, siete un ragazzo nato in Kyrat, ma vostra madre è scappata negli states con voi che eravate poco più di un bambino in fasce.

Passano gli anni e tornate in Kyrat da adulto, per realizzare l’ultimo desiderio di vostra madre prima della sua morte. “Riporta le mie ceneri in Kyrat”.
Non entro troppo nei dettagli, ma dopo l’intro vi ritrovate a cena con Pagan Min, Re autoproclamato del Kyrat e feroce dittatore. Da come parla sembrerebbe proprio che si ricorda di voi e conosceva bene vostra madre. “Non mi ha mai menzionato?” vi chiede.
Dopodiché lui se ne va a torturare un prigioniero, da buon dittatore vicino al popolo qual’è, e vi dice di non muovervi, di aspettarlo lì, di godervi la cena e che sarebbe tornato in pochi minuti.
Ora, ufficialmente qui parte il gioco. Dovreste sgattaiolare fuori dalla stanza, nel mentre ci sarebbe l’attacco dei guerriglieri che vi aiutano a scappare ecc ecc ecc.
Ed invece.

Giocando normalmente, quando arrivate alla fine del gioco, vi ritroverete nuovamente dove tutto è cominciato. Di nuovo al palazzo reale, di nuovo a cena con Pagan. E lui, contrariato dalle vostre azioni vi dirà qualcosa del tipo “Ti avevo detto di non muoverti, che sarei tornato. Bastava aspettare, invece di mettere in piedi tutto sto casino”.

Così mi è saltata la proverbiale pulce all’orecchio.
Aspettiamo davvero e vediamo cosa succede.
E mentre attendiamo il ritorno del padrone di casa, le urla strazianti del torturato riecheggiano per il palazzo, ma ecco, dopo qualche minuto Pagan ritorna scusandosi per l’attesa.
Quindi vi invita a seguirlo. Taglio.
Vi ritrovate su di un elicottero. Atterrate di fronte ad un piccolo santuario. Pagan vi accenna qualcosa a riguardo di vostra madre, vostro padre e altre cose che non vi sto a spoilerare.  E poi vi invita ad entrare nel santuario e lasciare le ceneri di vostra madre.

Così.

Fine.
Titoli di coda.
Davvero.