domenica 14 maggio 2017

Ginga Ojousama Densetsu Collection (2008) [REPOST]

Red Entertainment | PlayStation Portable

Questo Ginga Ojousama Densetsu Collection ha tre caratteristiche che mi hanno spinto all'acquisto (leggermente oneroso) di una copia: Ginga Fukei Densetsu: Sapphire, Red Entertainment e PlayStation Portable. Traducendo il tutto in un'unica frase: un fottutissimo sparatutto verticale, sviluppato da quei mostri della Red, da poter portare sul Trono Supremo.

Poco importa se all'interno della compilation trovano spazio le prime due parti di Galaxy Fraulein Yuna, visual novel venate dai tenui elementi RPG, inaccessibili al sottoscritto per incomprensione totale dell'idioma nipponico. La scimmia era tutta per lui, il fantomatico Ginga Fukei Densetsu: Sapphire, mostriciattolo tecnico che ha messo alle strette le capacita computazionali del PC Engine CD nel 1995, quel semplice pezzo di policarbonato dal costo leggermente esagerato, un shooting game da possedere. Fisicamente.

Il titolo della Red rientra ancora all'interno di una filosofia dello sparatutto di stampo tradizionale, ma certamente non privo della crudeltà insita negli esponenti più prossimi ai danmaku. Differenti astronavi con differente potere offensivo, upgrade incrementali, ritmo incessante, ottima leggibilità dell'azione, boss di fine livello da invocazione satanica, tripudio di bellezza bitmap ed effetti speciali, esaltati da una colonna sonora che non perdona, sorella diretta del puro metallo che solca, con petto villoso e fallo eretto, gli stage di Winds of Thunder e Gate of Thunder. 

Non possedete un PC Engine CD, un pacco di soldi e adorate i buoni shooting game? Ginga Ojousama Densetsu Collection è un buon compromesso per placare la vostra fame di distruzione, e se avete dimestichezza con il giapponese potrete godervi anche l'accoppiata di visual novel presenti all'interno della collection e morire di felicità nerd.


Solo per veri appassionati.