mercoledì 22 febbraio 2017

Mario Tennis: Ultra Smash (2016) [REPOST]

Camelot Software Planning | Nintendo Wii U

30/11/2015 - Pixel Flood.

Versatile come pochi, l’icona Nintendo per eccellenza non ha mai disdegnato divagazioni più o meno consone al proprio status d’eroe saltellante. Soffermandoci esclusivamente sulle discipline sportive è difficile tenere il conto di quanti giochi abbiano beneficiato della fama del simpatico baffone. Mario Tennis: Ultra Smash prosegue degnamente la tradizione tennistica imbastita da Camelot Software Planning, nonostante si avverta una certa “svogliatezza” di fondo.

Gamepad alla mano si ha la vivida sensazione di trovarsi al cospetto di una versione riveduta e potenziata di Mario Tennis Open. Le meccaniche ed i controlli rimandano pesantemente al capitolo uscito su Nintendo 3DS, peculiarità questa che non potrà non essere gradita a tutti quelli che hanno divorato il titolo portatile.

L’azione è puro piacere arcade, immediato ed accessibile, reso profondo dalla buona varietà di colpi effettuabili e da una fisica della pallina che, per quanto assurda ed esagerata, appare logica e ben implementata. Durante lo svolgersi dei match appariranno sul campo delle aree di diverso colore, all’interno delle quali sarà possibile sfruttare appositi attacchi speciali, apripista delle Ultra Smash, colpi devastanti ed estremamente difficili da ribattere. La presenza di un solo potenziamento temporaneo (il Mega Fungo, che aumenta dimensioni e potenza degli atleti) mantiene le sfide sempre ben bilanciate e corrette, caratteristica fondamentale di ogni videogioco competitivo che si rispetti.

Pesantemente integrati nel gameplay, gli automatismi presenti permettono al giocatore di concentrarsi più sull’assalto a testa bassa che sul corretto posizionamento nel campo da tennis, regalando scambi molto rapidi ed adrenalinici, che si consumano all’interno di partite dalla breve durata.

La pochezza di contenuti destinati al single player (un torneo che presenta l’intero roster di personaggi potenziati con il progredire del medesimo) lascia un sapore spiacevole nella bocca dell’acquirente voglioso di sostanza, ma le possibilità offerte dalla sezione multigiocatore potrebbero accontentare chi predilige le sfide tra umani, siano essi vicini o lontani.

In locale si fa particolarmente apprezzare l’assenza di split screen, grazie alla ripartizione degli schermi disponibili (gamepad e televisore) tra i due sfidanti, mentre la stabilità soddisfacente dell’infrastruttura online garantisce partite fluide e raramente afflitte da episodi di lag preoccupanti. Sfizioso il supporto agli amiibo compatibili, potenziabili nelle caratteristiche base e fedeli compagni nei doppi. Un gimmick ininfluente ai fini della riuscita del gioco ma che farà sicuramente piacere ai collezionisti più sfegatati delle diaboliche statuette.

Divertente, immediato ed amabilmente arcade, Mario Tennis: Ultra Smash è un acquisto imprescindibile per gli amanti dello “sport” virtuale focalizzato all’esperienza multigiocatore. Chi cerca una corposa modalità in solitario terminerà molto velocemente quello che il gioco ha da offrire. Forse troppo velocemente.

Mario Tennis: Ultra Smash è disponibile sia in versione fisica che digitale.