martedì 21 febbraio 2017

Chibi-Robo! Zip Lash (2015) [REPOST]

skip Ltd., Vanpool | Nintendo 3DS

09/11/2015 - Pixel Flood.

Lontana dagli estremismi propri del platforming indie, la produzione di genere made in Nintendo continua a focalizzare la propria attenzione sul concetto d’accessibilità, mirando molto alla famiglia e molto poco al gamer hardcore tutto trial & error e wall jump millimetrici. Se, da un lato, questa politica aziendale ha fatto allontanare quasi tutti quelli cresciuti tra la luce dei tubi catodici e l’ira del fallimento, bisogna riconoscere che la ricchezza di contenuti della produzione recente ha ripagato la fiducia dei più fedeli amanti,  che hanno potuto saggiare grazie a Super Mario Maker (qui la recensione del nostro Honoo5) la complessità di quel processo creativo denominato game design, così appassionante e stimolante quanto difficile e sfaccettato, in perenne equilibrio tra frustrazione ed appagamento.

Chibi-Robo! Zip Lash nasce grazie al lavoro congiunto di skip Ltd. (a cui si devono tutti gli episodi della serie) e Vanpool, lieti di dirottare tutta la propria folle spensieratezza verso gli schermi del Nintendo 3DS, con un amiibo al seguito e un cielo all’orizzonte che potrebbe annunciare tempesta, visti i miseri risultati di vendita ottenuti dagli splendidi capitoli precedenti. Riuscirà il piccolo robot a sorreggere sulle proprie spalle il peso di questa impresa titanica?

Bastano pochi minuti  per capire il target specifico d’utenza a cui il gioco è indirizzato: i bambini. Immediato ed estremamente rilassato, il ritmo dell’azione accompagna con morbidezza l’avanzare dell’avventura, evitando momenti di difficoltà improvvisi o passaggi che fanno dell’abilità esecutiva il fulcro dell’esperienza. Alle fondamenta da platform in due dimensioni vengono aggiunte delle variazioni ludiche che arricchiscono la formula base e, tra una planata ed un trampolino acquatico da prendere con la tavola da surf, fanno capolino anche piccoli accenni puzzle, risolvibili mediante l’utilizzo della “coda-presa elettrica” del minuto Chibi-Robo, estensibile raccogliendo determinati item ed indispensabile sia in combattimento che nella fasi esplorative. I numerosi collezionabili (tra cui spiccano gli snack realmente esistenti da raccogliete all’interno dei livelli) e le medaglie, ottenibili soddisfacendo determinate condizioni, completano il quadro di un prodotto sempre appagante, caratteristica rara nel minimalismo mobile e nell’agonismo della scena indipendente.

Delude la mancanza d’ispirazione artistica degli sviluppatori nipponici. Nonostante il carisma del personaggio principale e dei buffi comprimari risulta evidente la poca cura riposta nel design di nemici e scenari, funzionali al gameplay ma troppi anonimi e banali. Qualche boss strappa un sorriso ma la bellezza estetica resta un miraggio irraggiungibile. Caliamo un velo pietoso sull’accompagnamento musicale, noioso, dimenticabile e discutibile. I controlli responsivi garantiscono un’esperienza di gioco piacevole e senza sbavature, permettendo una deambulazione fluida che ben si presta a qualche acrobazia colma di stile e prepotenza.

Si nasconde nei chiaroscuri questo Chibi-Robo! Zip Lash, tra fanciullesca serenità e pochezza artistica, level design intuitivo e qualche goffo inciampo (le fasi con il sottomarino sono imbarazzanti), pronto a concedersi totalmente a tutti, senza nessuna restrizione. Se cercate una sfida appagante ed impegnativa questo non è un gioco per voi, ma può essere un buon regalo di Natale per i vostri figli/fratelli/parenti/amici più giovani.

Grazie ai mesi trascorsi in compagnia di Super Mario Maker, ho potuto comprendere quando è difficile rendere godibile ed accessibile anche solo un minuscolo livello. Chibi-Robo! Zip Lash riesce ad esserlo per quasi tutta la sua durata.

Trovate il gioco in formato scaricabile su eShop ed in versione retail.