lunedì 14 novembre 2016

Metroid: Zero Mission (2004)

Nintendo R&D1 | Game Boy Advance


Metroid: Zero Mission è l'esempio lampante di come dovrebbero essere realizzati i buoni remake. Nintendo R&D1 ha preso il vecchio Metroid (uscito inizialmente per Famicom Disk System, nel 1986), aggiornando grafica e meccaniche (prese pari pari dal precedente Metroid Fusion) aggiungendo, non contenta, un discreto quantitativo di "livelli" extra e una gustosa componente narrativa. Il gioco non perde un briciolo del mix esplosivo che ha decretato il successo della serie e, tra fasi esplorative articolate, combattimenti frenetici, potenziamenti sequenziali e sano platforming, lo svecchiamento dei controlli e la maggiore accessibilità generale permettono a Metroid: Zero Mission di mostrare liberamente tutta la sostanza della propria polpa ludica.

Coinvolgente, stuzzicante e realizzato divinamente, la seconda avventura di Samus su Game Boy Advance è un prodotto da godere in assoluta tranquillità e la presenza dell'originale Metroid (come contenuto sbloccabile in gioco) metterà a tacere anche i più intransigenti amanti della tradizione, delusi dall'evidente lavoro d'addolcimento della difficoltà operato dal team nipponico, atto a rendere accessibile a tutti la meravigliosa creatura di Gunpei Yokoi e Yoshio Sakamoto.